venerdì 19 marzo 2010

Italcementi trasloca in Libia

Italcementi trasloca in Libia

Il bond da 2 miliardi non basta. Per sopravvivere alla crisi (che ha dimezzato gli utili a 71 milioni) il colosso dei Pesenti dovrà anche proseguire la dieta del 2009 che ha portato risparmi per 240 milioni di euro. A farne le spese saranno i lavoratori italiani. Presentando i conti dell’anno passato agli analisti il dg di Italcementi, Giovanni Ferrario, ha infatti annunciato un robusto piano di tagli nel nostro Paese. «La nostra strategia in Italia», ha detto, «è di ristrutturare. Abbiamo un programma in tre anni: ridurremo significativamente il nostro numero di stabilimenti». Ancora non è noto quali saranno gli impianti che Italcementi sacrificherà per «migliora l’efficienza». Attualmente il gruppo di Bergamo ha 17 cementerie a ciclo completo sparpagliate su tutto il territorio nazionale, da Trieste a Porto Empedocle. Complessivamente in Italia sono impiegati oltre 4mila dipendenti. Gli «eventuali esuberi», ha spiegato Ferrario, verranno gestiti attraverso «la cassa integrazione ordinaria, straordinaria e con lo stato di crisi. Useremo tutti gli strumenti a disposizione». Comunque, ha rassicurato, «non parliamo di grandi numeri: si tratta di piccole cifre, di cementerie molto piccole non più efficienti e quindi senza futuro. Le altre le riqualifichiamo: procederemo al revamping (trasformazione e ottimizzazione, ndr) di due società nel Nord Italia e di una al Sud».


In compenso, la società «considera seriamente di acquistare un paio di impianti già esistenti in Libia per lavorare per il mercato locale». In quel mercato, ha proseguito l’ad Carlo Pesenti, «come italiani siamo abbastanza privilegiati, speriamo di riuscire nell’operazione». La società, ha ricordato il manager, al mercato libico ci sta pensando «da tanto tempo: è un Paese che si integra molto bene nel nostro sistema Mediterraneo» considerando che il gruppo cementiero è già fortemente presente in Marocco e in Egitto.

Tutti i dettagli sulle prossime mosse saranno contenuto nel piano strategico che Italcementi presenterà a settembre nel corso di un investor day. Un lavoro che il gruppo sta mettendo a punto con l’aiuto dei consulenti di McKinsey. «La mia ambizione», ha detto Pesenti, «è arrivare con un piano strategico e non solo con un piano industriale. Il piano strategico è qualcosa di più, ha a che fare con l’organizzazione dell’azienda, con le priorità nella ricerca e sviluppo, le tecnologie e i trend macroeconomici. Stiamo facendo un ottimo lavoro».

Per ora si sa soltanto che per affrontare «un 2010 ancora difficile» Italcementi punta a realizzare nell’esercizio in corso 100 milioni in risparmi di costi, ad ottimizzare per 50 milioni la struttura del capitale circolante e a ridurre gli investimenti a 620 milioni dai 700 del 2009. Il gruppo si attende nel 2010 volumi di vendita «stabili o in leggero aumento», accompagnati da una «visione prudente» sull’andamento dei prezzi. Dai principali progetti in corso di realizzazione in Italia, Usa, India e Marocco sono attesi 50 milioni di euro in più a livello di margine operativo lordo.

Per quanto riguarda il programma di emissioni obbligazionarie da 2 miliardi la prima tranche verrà emessa molto probabilmente all’inizio della prossima settimana. Nei prossimi giorni, ha spiegato ancora Pesenti, partirà un roadshow che toccherà Milano, Londra, Parigi, Monaco e Francoforte. «Abbiamo già un overbooking di incontri con gli investitori», ha aggiunto il manager. Il bond servirà al gruppo per allungare le scadenze del debito e diversificare le fonti di finanziamento. Nell’ambito di questo progetto, verrà rifinanziata anche parte importante dell’esposizione della controllata Ciments Francais. L’operazione non prelude comunque alla fusione con la società francese, per la quale bisognerà attendere ancora. Alcuni degli ostacoli che hanno già impedito il progetto, ha spiegato l’ad, «sono ancora presenti».

libero-news.it


ITALCEMENTI LAVORO SALUTE E SVILUPPO

border=
Notizie su: Italcementi, Qualità dell'aria, Salute, Occupazione, Autorizzazione Integrata Ambientale, Pet-coke, Aziende Insalubri, Ricorso al T.A.R., A.R.P.A.,Vigili Urbani, IPPC, Inquianmento delle falde acquifere, Cromo Esavalente, Centraline per il contro della qualità dell'aria, Mercurio, Zinco, Tumori, Crisi economica e Ripercussioni sulle aziende cementifere, Ristrutturazione Italcementi, Revamping, Rappresentanze Sindacali, Legambiente, Calusco d'Adda, La vita in diretta, S.I.C. e Z.P.S., Regione, Ente minerario, Denunce, querele, esposti, Portobello, Cutino, Licenza carbonile Raffo Rosso, Capannone su via libertà, Sviluppo Turistico di isola delle Femmine, Responsabilità sociale della Italcementi nei confronti della comunità isolana..........:


Italcementi Economia e Ristrutturazione

*ITALCEMENTI LAVORO SALUTE e SVILUPPO
*T.A.R.
*Ambiente e politica ad Isola delle Femmine
*Il Vespro



AMBIENTE E QUALITA' DELLA VITA

border=
AMBIENTE. L’argomento ambiente a Isola delle Femmine è alla base della “carriera” politica dei nostri attuali amministratori oltre che di qualche funzionario comunale. Ne sanno qualcosa il nostro attuale “Sindaco” professore Gaspare Portobello l’attuale Assessore all’ambiente geologo dr. Marcello Cutino, il funzionario passato ad altri incarichi. Qualcuno deve poi DIRE ai cittadini dell'isola ecologica: I sondi Spesi, se ha mai avuto un collaudo e come mai non è funzionante. Mi rendo conto che le domande non sono nuove: le aveva già poste il suocero dell'"Assessore" geologo Cutino. Forse conviene non parlarne visto il progetto pizzerie della M.A.M. snc di cui è progettista l'attuale ex oppositore Vice Pres Del C.C. geom Vincenzo Dionisi.
Per Noi Cittadini l’ambiente l’abbiamo e continuiamo a subirlo in termini di salute, di livello della qualità della vita, della vivibilità e fruibilità delle bellezze naturali del nostro territorio. Questi Signori sono stati in grado di “avvelenarci” le nostre case, le nostre vite, le nostre amicizie le nostre istituzioni democratiche. Per avere delle risposte in tema di prevenzione e tutela della SALUTE siamo stati costretti a rivolgerci ad un Tribunale Amministrativo. Questi signori si sono fatti beffa dei cittadini celando la realtà, nascondendo i dati, stravolgendo i FATTI, denigrando le persone. Persino un’autorità come il dr. Vito Riggio ha dovuto constatare: “….su un tema così delicato come la sicurezza và condannata un’amministrazione che cambia idea continuamente”. Come Cittadini ci chiediamo : Ma il geologo "Assessore" Cutini Marcello come mai non parla più di Italcementi?
I temi da noi trattati nel tempo:

WindShear

border=

L’affaire Wind Shear a Isola delle Femmine una storia di un grande forno a microonde in cui "cuocere" l’intero paese di Isola delle Femmine con i suoi Siti S.I.C., Z.P.S. il suo lungomare e i cittadini che la abitano. La speculazione operata dagli Amministratori per propri scopi personali unita alla loro incapacità di gestione del Territorio per la quale “caparbiamente” si sono fatti eleggere. Vedasi il geologo Dr. Marcello Cutino (è stata una manna per farsi eleggere) si quel Signore che parlava tanto di Italcementi, oppure il “Sindaco” Professore Gaspare Portobello, (gli è venuto persino il naso lungo come pinocchio per le bugie raccontate durante la campagna elettorale, dopo essere stato l'artefice della distruzione del "Comitato No Radar a Isola delle Femmine") che si “vende” la pelle di un orso non suo. Documenti, articoli, denunce, ricorsi………..

*Windshear
*T.A.R.

Nessun commento: