venerdì 19 marzo 2010

Statuto del Comitato Cittadino Isola Pulita




Statuto Isola delle Femmine gennaio 2007



STATUTO DEL MOVIMENTO POLITICO


“ISOLA PULITA”



Articolo.1 Costituzione e Denominazione


1. E’ costituito, esclusivamente per fini di solidarietà, ai sensi dell’art. 2 della legge 11/7/91 n 266 e della legge regionale 7/6/1994 n 22, il Movimento del Comitato Cittadino “Isola Pulita”. Denominato per brevità d’ora in avanti “Isola Pulita”.


2 Isola Pulita che svolge attività di utilità sociale a favore sia degli associati che della collettività non ha fini di lucro e gli eventuali fondi raccolti sono destinati unicamente e interamente alla realizzazione delle finalità istituzionali di cui al successivo art. 3.


3 Isola Pulita assume per logo “scritta Isola delle Femmine Comitato Cittadino Isola Pulita poggiante sulla raffigurazione di un fondale marino”.






Articolo2 Sede


Isola Pulita fissa la propria sede legale in Via Sciascia n 13 a Isola delle Femmine (PA).


La sede operativa viene invece decisa con deliberazione del consiglio direttivo



Articolo 3 Principi, finalità e scopi


1. Isola Pulita è fondato sui principi di solidarietà e di rispetto della persona umana, nonché di rispetto e di tutela del Territorio, dell’Ambiente e della Natura. Isola Pulita si fonda su una organizzazione che utilizza metodi democratici che favoriscano decisioni consapevoli e maturate collettivamente.


2. Isola Pulita rifiuta le logiche sessiste, razziste, di sfruttamento, violente e reazionarie, sia al proprio interno che nelle proprie relazioni con l’esterno e si ispira ai principi della democrazia e della partecipazione.


3 Isola Pulita è il luogo dove le persone si incontrano per esprimere e raccogliere idee e pensieri che possono tradursi in iniziative ed azioni utili per la crescita e lo sviluppo della Comunità di Isola delle Femmine.


4.Isola Pulita garantisce uno spazio pubblico in cui si esprimono cittadini consapevoli di offrire un contributo a tutti i livelli, volti alla crescita umana sociale e spirituale della Comunità di Isola delle Femmine.


5 Isola Pulita deve offrirsi come luogo di partecipazione, di proposta, di elaborazione, di confronto democratico.


6 Isola Pulita si impegnerà a sviluppare una particolare sensibilità nell'interpretare nuove istanze ed attese, nel rispetto dei diritti individuali, sul valore della comunità, sul riconoscimento del carattere originario della autonomie locali e delle loro espressioni istituzionali, a cominciare dal Comune.


7 Alle attività di Isola Pulita partecipano gli iscritti e chi, anche non iscritto, vuole contribuire attraverso proposte, idee, pensieri ed iniziative coerenti alle sue finalità. La partecipazione è orientata a promuovere azioni concrete utili alla crescita ed allo sviluppo della Comunità di Isola delle Femmine, attraverso il confronto costante con cittadini, istituzioni, forze sociali, categorie professionali, soggetti della ricerca scientifica e culturale, imprese e tutti coloro che possono contribuire alle medesime finalità.


8 Isola Pulita può concorrere, con propri rappresentanti, alle competizioni elettorali amministrative, raggruppandosi con tutte quelle forze politiche, sociali e culturali con cui se ne condividono i programmi.


Articolo 4 Durata di Isola Pulita


Isola Pulita ha durata fino al raggiungimento degli scopi di cui all’articolo. precedente..





Articolo 5 Natura dell’Associazione


1.Isola Pulita non ha fini di lucro;


2. Isola Pulita è aperta a tutte e a tutti senza discriminazioni e senza distinzioni di sesso, di razza, di lingua di religione, di opinioni politiche di condizioni personali e sociali;


3. Isola Pulita è ispirata a principi di reale democrazia, di uguaglianza dei diritti di tutti gli iscritti, di responsabilità, di costruzione collettiva delle decisioni.



Articolo 6 Risorse economiche di Isola Pulita


Isola Pulita trae le risorse economiche per il suo funzionamento e per lo svolgimento della sua attività da:
a) quote e contributi degli iscritti;
b) eredità, donazioni e legati;
c) proventi delle cessioni di beni e servizi agli iscritti e a terzi, finalizzati al raggiungimento degli
obiettivi istituzionali;
d) erogazioni liberali degli iscritti e dei terzi;
e) entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, quali feste e
sottoscrizioni anche a premi;
f) altre entrate compatibili con le finalità sociali




Articolo 7 Iscritti


1 Possono far parte di Isola Pulita tutti coloro che hanno raggiunto la maggiore età, che sono interessati all’attività della stessa e ne condividono la natura, i principi e gli scopi;


2. L’appartenenza a Isola Pulita obbliga gli iscritti al rispetto delle decisioni prese dall’Assemblea e dagli organi rappresentativi;


3. I fondatori sono quelli che hanno costituito Isola Pulita sottoscrivendo lo Statuto; gli iscritti aderenti vengono ammessi su domanda al Consiglio Direttivo;


4. L’appartenenza a Isola Pulita comporta l’obbligo di versare una quota associativa annuale stabilita di anno in anno dall’assemblea. Non esiste differenza alcuna in ordine ai diritti, ai doveri e alle responsabilità tra iscritti fondatori e nuovi iscritti;


5. Il numero degli iscritti è illimitato;


6. La qualità di iscritto si perde: a) per decesso; b) per morosità della quota annuale di adesione a seguito di deliberazione del consiglio diretto; c) per dimissioni da comunicarsi per iscritto; d) per decadenza, qualora l’attività dell’iscritto sia in contrasto con i principi, le finalità e gli scopi di Isola Pulita, deliberata dall’assemblea con la maggioranza dei due terzi dei presenti;


7. La qualità di iscritto è intrasmissibile, sia per atto tra vivi che mortis causa.



Articolo 8 Diritti e doveri degli iscritti


1.Gli iscritti sono tenuti ad osservare, far osservare e mettere in pratica lo Statuto, gli eventuali regolamenti interni e le deliberazioni dell’Assemblea; a mantenere sempre un comportamento corretto nei confronti di Isola Pulita e delle realtà sociali con le quali opera; a versare la quota associativa;


2.Gli iscritti hanno diritto di partecipare a tutte le attività promosse dall’Associazione, di partecipare all’ assemblea con diritto di voto nonché di accedere alle cariche degli organi di Isola Pulita.



Articolo 9 Ineleggibilità alle cariche


1.Non possono ricoprire cariche direttive all’interno di Isola Pulita, gli iscritti che ricoprano cariche di livello nazionale, regionale e provinciale, di qualsiasi natura e genere, in Partiti Politici, in Sindacati, in Associazioni ambientaliste che non si riconoscono nella strategia “Isola Pulita”, in Aziende Pubbliche, Private o miste di gestione dei servizi locali, in Associazioni di imprenditori, in Banche e/o Istituti di Credito. E’ altresì esclusa l’eleggibilità di amministratori pubblici e di enti pubblici economici e di dipendenti di agenzie pubbliche.


Articolo 10 Organi di Isola Pulita


1.Sono organi di Isola Pulita: a) l’Assemblea gli iscritti; b) Il Consiglio direttivo; c) il Presidente; d) il collegio dei revisori dei conti; e) il collegio dei probiviri;


2.L’Assemblea gli iscritti elegge il consiglio direttivo, il collegio dei revisori dei conti ed il collegio dei probiviri.


3. Le cariche associative vengono ricoperte a titolo gratuito. Ai titolari delle cariche spetta, comunque, il rimborso delle spese vive documentate, sostenute per conto e nell’interesse di Isola Pulita.




Articolo11 L’ Assemblea gli iscritti


1 L’Assemblea è costituita da tutti gli iscritti e può essere ordinaria e straordinaria. Ogni iscritto dispone di un solo voto con facoltà di delega. Ogni delegato non può rappresentare più di 3 iscritti.


2.L’Assemblea ordinaria si tiene almeno una volta all’anno. Essa è convocata e presieduta dal Presidente.
3.L’Assemblea ordinaria indirizza l’attività di Isola Pulita.
Inoltre:


a) elegge i componenti del Consiglio Direttivo, del Collegio dei revisori dei conti e del Collegio
dei probiviri;
b) delibera sui bilanci;
c) fissa le quote associative annuali e gli eventuali contributi straordinari;
d) delibera su eventuali regolamenti interni.


4) l’Assemblea delibera in seduta straordinaria:


a) l’esclusione dei soci su proposta del consiglio direttivo;


b) sulle modifiche dello statuto a maggioranza dei due terzi dei presenti;


c) sullo scioglimento di Isola Pulita.


5) l’Assemblea si riunisce in seduta straordinaria quando lo richieda un terzo gli iscritti ovvero su delibera del consiglio direttivo. Il Presidente, provvede alla convocazione dell’Assemblea straordinaria entro quindici giorni dal ricevimento della richiesta o dalla data delle delibera del Consiglio direttivo.


6) l’Assemblea, ordinaria o straordinaria, deve tenersi entro trenta giorni dalla convocazione. La comunicazione della convocazione dell’Assemblea, sia in seduta ordinaria che in seduta straordinaria, è consentita anche con l’utilizzo di mezzi informatici. In tal caso la convocazione si ritiene validamente effettuata con il semplice invio;


7) in prima convocazione l’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita con la presenza della metà più uno gli iscritti. In seconda convocazione l’Assemblea è regolarmente costituita qualunque sia il numero gli iscritti presenti.


8) laddove non prevista una diversa maggioranza, le deliberazione dell’Assemblea sono adottate a maggioranza semplice dei presenti.



Articolo 12 Il Consiglio direttivo


1.Il Consiglio Direttivo è eletto dall’Assemblea gli iscritti, ed è composto da un minimo di nove ad un massimo di tredici persone;


2.Il Consiglio direttivo dura in carica due anni. In caso di dimissioni dell’iscritto consigliere o di altra causa che comporti la perdita della qualità di consigliere, il Consiglio Direttivo viene integrato dall'Assemblea nella prima riunione utile.


3.Il Consiglio può prevedere la partecipazione alle riunioni di altri membri, in qualità di esperti, senza diritto di voto.


4.Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno una volta ogni tre mesi. Inoltre il Consiglio Direttivo si riunisce tutte le volte che il presidente lo ritenga necessario ovvero ogni qual volta ne faccia richiesta almeno un terzo dei suoi componenti. In tali ultime ipotesi la riunione deve avvenire entro venti giorni dal ricevimento della richiesta;


5.Le riunioni del Consiglio direttivo sono valide con la presenza della maggioranza dei suoi consiglieri e sono presiedute dal presidente o, in sua assenza, dal vicepresidente o dal consigliere più anziano di età;


6 Le decisioni del consiglio direttivo vengono assunte con il voto della maggioranza dei presenti e in caso di parità dei voti prevale quello del presidente.


7. Il Consiglio Direttivo ha i seguenti compiti:


a) Curare l’ esecuzione delle deliberazioni dell’Assemblea;


b) Sottoporre all’approvazione dell’Assemblea i bilanci preventivo e consuntivo annuali;


c) Determinare il programma di attività in base alle linee d’indirizzo approvate dall’Assemblea promuovendone e coordinandone l’attività e autorizzandone le relative spese;


d) Proporre all’Assemblea l’esclusione dei soci;


e) Eleggere il Presidente, il Vicepresidente, il Segretario ed il tesoriere;


f) esaminare le domande di adesione dei nuovi soci.


8. Il Direttivo può avvalersi dell’operato di tecnici e professionisti di fiducia, può altresì costituire e nominare commissioni formate da tecnici e professionisti ai quali demandare lo studio e l’approfondimento di ogni questione rientrante nell’oggetto sociale. I rapporti anche economici con i tecnici e i professionisti di cui l’associazione si avvale, vengono regolati con delibera del consiglio direttivo.




Articolo 13 Il Presidente


1.Il Presidente del Consiglio Direttivo presiede anche l’Assemblea gli iscritti.


2.Il Presidente rappresenta legalmente l’organizzazione nei confronti di terzi e può stare in giudizio in nome e per conto di Isola Pulita a seguito di delibera del Consiglio Direttivo.


3.Il Presidente convoca e presiede le riunioni dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo. In caso di assenza, di impedimento, di morte o di cessazione, le funzioni del Presidente sono svolte dal Vice Presidente e in suo mancanza dal membro più anziano di età del consiglio direttivo.


4.Il presidente rimane in carica per due anni coincidenti con la durata del consiglio direttivo, con possibilità di essere rieletto per due volte consecutive.


Articolo 14 Il collegio dei Revisori dei Conti


1.Il Collegio dei Revisori dei Conti provvede alla sorveglianza ed al controllo periodico delle operazioni amministrative e della correttezza del bilancio


2.E’ composto da tre Revisori effettivi e due supplenti scelti anche fra non iscritti eletti dall’assemblea.
3.Nella sua prima riunione elegge il Presidente.


Articolo 15 Il Collegio dei Probiviri


1.Il Collegio dei Probiviri è formato da tre componenti, scelti anche tra i non iscritti, i quali nella prima loro riunione eleggono il Presidente.
2.Il collegio è nominato dall’assemblea


3. Il Collegio delibera:
a) sui ricorsi gli iscritti contro i provvedimenti adottati nei loro confronti dall’Assemblea;
b) sulle controversie rimesse al suo giudizio, tra organi dell’associazione;


Articolo 16 Bilancio


1.Ogni anno devono essere redatti, a cura del Consiglio Direttivo, il bilancio preventivo e il bilancio consuntivo da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea che li approverà a maggioranza dei voti dei presenti. Dal bilancio consuntivo devono risultare i beni, i contributi o i lasciti ricevuti. Il bilancio coincide con l’anno solare. Il bilancio deve essere pubblicato sul sito internet di Isola Pulita http://www.isolapulita.it . Proprio organo di informazione telematica


Articolo 17 Modifiche allo statuto


1.Le proposte di modifica dello Statuto di Isola Pulita possono essere presentate all’Assemblea da uno degli organi di Isola Pulita o da almeno 5 iscritti. Le relative deliberazioni sono approvate dall’Assemblea con il voto favorevole della maggioranza dei due terzi dei presenti.


Articolo 18 Scioglimento di Isola Pulita


1.Lo scioglimento di Isola Pulita deve essere deliberato dall’Assemblea degli iscritti con il voto favorevole di almeno tre quarti degli iscritti.


2. In caso di scioglimento l’Assemblea provvede alla nomina di uno o più liquidatori, anche se non iscritti, determinandone gli eventuali compensi.


3 .Il patrimonio residuo che risulterà dalla liquidazione dovrà essere devoluto ad altre Organizzazioni aventi finalità analoghe.


Articolo 19 Norme di rinvio


1. Per quanto non previsto dal presente statuto, si fa riferimento alle vigenti disposizioni legislative in materia.



Isola delle Femmine gennaio 2007

Nessun commento: